Data di pubblicazione: sabato 02 Maggio, 2015 15:19

Rudi Garcia: “Totti ha ragione, dobbiamo restare uniti. Vogliamo la Champions. Se serve un bomber? Portatemi Cristiano Ronaldo”

rudi garcia newAlla vigilia della sfida casalinga contro il Genoa, Rudi Garcia ha parlato ai media nella sala stampa del Bernardini, toccando argomenti come il momento dei suoi dopo la vittoria di Sassuolo, le condizioni di Keita e Totti, oltre al rendimento di Doumbia e Pjanic.

VITTORIA CON IL SASSUOLO 
Mi è piaciuta l’efficacia in area avversaria e poi in difesa siamo stati solidi non subendo gol. Abbiamo segnato tre gol con meno tiri in porta del solito. Come già detto, l’efficacia è molto importante nel calcio.

CONDIZIONI KEITA E TOTTI
Prima di Sassuolo ha avuto questa sciatalgia, poi recuperata. Adesso ha ancora quel problema al ginocchio che si porta dietro da un po’. Per il momento è convocato, domani mattina farò un punto con lui e valuterò se è il caso di farlo giocare o di mandarlo in panchina. Lui è sempre collaborativo, vuole aiutare la squadra. Totti? È un problema Francesco? Sta benissimo, avete letto tutti le dichiarazioni del mio capitano. Ha ragione, bisogna restare tutti concentrati sull’immediato, sul quotidiano. Ci giochiamo la Champions. Ha usato parole che io condivido assolutamente. E se volete che io ribadisca quanto sia importante per noi, lo faccio anche ora. Per noi il capitano è importantissimo. Cole? Non è il momento per dare giudizi definitivi. Io faccio delle scelte, ma può tornare utile anche in queste ultime cinque partite.

GENOA, L’AVVERSARIO
Una squadra che lotta per arrivare in Europa. Hanno un paio di assenze, peccato non vedere Burdisso. Fa piacere sempre salutarlo, un uomo che ho apprezzato tanto in passato. Sappiamo come regolarci contro una formazione del genere. Dobbiamo solo valutare le condizioni dei singoli, dato che sarà il terzo impegno in una settimana e farà caldo alle 12.30.

TORNARE A VINCERE ALL’OLIMPICO 
Abbiamo giocato un po’ di più in trasferta, ma anche in casa sappiamo vincere contro grandi squadre. Per noi l’Olimpico deve tornare a essere la nostra cassaforte. Se i tifosi sono dalla nostra parte è sempre un elemento in più. Ora bisogna essere uniti ed è questo il momento di sostenerci. Spero che domani i tifosi possano venire numerosi allo stadio.

IL GOL DI SASSUOLO AIUTERA’ DOUMBIA
Sul piano psicologico è ovvio che il gol di Sassuolo gli darà più fiducia. Seydou ha preso i fischi alla prima gara con la maglia della Roma. Ha fatto un gran gol, prendendo il tempo al difensore e sparando un colpo di fucile con la testa. Ma a parte la rete segnata, mi è piaciuto il suo atteggiamento. Ha coperto bene in fase difensiva.

RENDIMENTO PJANIC
Vero, ho detto che è tornato in forma dopo l’infortunio che si portava dietro da quattro mesi. Ma io non ho mai forzato un giocatore a scendere in campo. Se lo fa, è perché dà la propria disponibilità. Quando si gioca a questo livello, soprattutto ogni tre giorni, c’è sempre qualche giocatore con alcuni piccoli problemi fisici. In ogni caso, Mire poteva fare meglio anche con queste noie muscolari. Ora è tornato efficace, è sulla strada giusta e deve rimanere su questo ritmo da qui alla fine della stagione. Nell’ambito del collettivo i singoli devono aiutare per fare la differenza. C’è da dire che quest’anno è stato un campionato particolare, con più problemi muscolari rispetto a una stagione normale.

AVERE O MENO UN BOMBER IN ROSA
Se qualcuno porta Cristiano Ronaldo alla Roma, lo prendiamo con i suoi 40 gol. I nostri attaccanti devono fare di più, in termini di gol e assist. Con il Sassuolo ha segnato Doumbia e Gervinho si è reso utile con un assist. Detto questo, per noi sono importanti anche i gol dei centrocampisti.

PRIMAVERA SCONFITTA IN COPPA ITALIA
Hanno fatto una buona stagione, arrivando in semifinale di Youth League, giocando una finale di Coppa Italia e restando ancora in corsa per il campionato. Si può imparare anche dalle sconfitte e guardare avanti con fiducia.