Data di pubblicazione: sabato 21 Marzo, 2015 21:46

Rudi Garcia: “Siamo uniti e vogliamo vincere. Credo in questa squadra. Il mio futuro? Voglio restare e vincere”

rudi garcia newQuesta la conferenza stampa di Rudi Garcia.

RITIRO
Volevamo stare uniti, per questo abbiamo deciso di riunirci già da ieri a Trigoria. E poi volevamo fare un allenamento sul sintetico. Solo tutti insieme possiamo uscire da questo momento e stare in gruppo per più tempo era una buona idea.

TOTTI E DOUMBIA
Seydou ci raggiungerà oggi, aveva un problema personale da risolvere, Francesco aveva qualche noia fisica e insieme abbiamo deciso di non rischiare. Il capitano mi servirà per i prossimi due mesi di campionato.

FUTURO 
Sono a Roma per vincere dei trofei. Non sarà per quest’anno, ormai è quasi sicuro, ma voglio farlo in futuro. A fine anno faremo tutti un bilancio, ma la mia motivazione resta forte. I giocatori mi vedono e sanno la voglia e l’ambizione che ho. In ogni caso, ora pensiamo solo a domani. La partita più importante della stagione deve essere la prossima. Non dobbiamo guardare più a lungo termine, ma mettere tutte le nostre forze per il prossimo impegno.

ATTEGGIAMENTO IN CAMPO
I ragazzi li ho visti sempre impegnarsi al massimo. La squadra sa di doverdare il massimo, di dover lottare tutti insieme, solo così usciremo da questo momento così difficile. Io sarò con loro e spingerò la squadra. Non mi stancherò mai di farlo.

DIALOGO CON DIRIGENTI
Sento sempre il presidente Pallotta e sono sempre in contatto con la dirigenza italiana formata da Mauro Baldissoni e Walter Sabatini.

CONFRONTO CON TIFOSI
Mi rifaccio a quanto dichiarato da Keita prima della partita con la Fiorentina: una delle componenti di un club è formata dai tifosi. L’ho già detto, se abbiamo la tifoseria dalla parte nostra possiamo giocare più tranquillamente. Se avvertiamo ostilità, diventa più complicato rischiare una giocata. Abbiamo bisogno del sostegno della gente, che siano delusi e arrabbiati lo capiamo perché anche noi lo siamo. L’importante è che ci sia rispetto da entrambe le parti. Noi rispettiamo i tifosi, ma pure loro devono rispettarci. Io sarò sempre dalla parte della mia squadra.

ACCORGIMENTI TATTICI
Come fare per tornare a segnare? Intanto, far capire ai miei giocatori che ho fiducia in loro. E questa è la cosa più importante. Inoltre, ritengo che una striscia negativa prima o poi finisca. Abbiamo avuto una spirale negativa, che ha toccato sia la fase offensiva sia la fase difensiva, ma abbiamo tutti i mezzi per superarla. Dobbiamo fare in modo di far entrare la palla lottando sempre di più, spingendo, mantenendo la fiducia e la lucidità.

CESENA
Si tratta di una squadra di qualità, che gioca sul campo sintetico e non a caso volevo prendere le misure a questo tipo di terreno di gioco venendo ad allenarci qui. Sono un gruppo all’altezza del loro obiettivo, ovvero la salvezza. In ogni caso, il nostro atteggiamento non cambierà a seconda dell’avversario.

(asroma.it)

La nostra pagina Facebook