Data di pubblicazione: domenica 13 Gennaio, 2019 20:35

Roma vs Liguria. In Coppia Italia qualche tonfo ma soprattutto due trofei

Torna, finalmente, il calcio giocato.

Dopo la lunga sosta post tour de force durante le festività natalizie, la Roma scende nuovamente in campo. Domani sera, alle ore 21, i giallorossi allenati da Eusebio Di Francesco saranno di scena allo StadioOlimpico per affrontare la Virtus Entella di mister Boscaglia in una gara valevole per gli ottavi di finale diCoppa Italia.

Si tratta del primo confronto assoluto tra la formazione capitolina e la compagine di Chiavari, che attualmente milita in Lega Pro.

In molti, al momento del sorteggio, sono tornati con la mente a quel dicembre del 2015 in cui la Roma, allora allenata dal francese Rudi Garcia, riuscì nell’impresa al contrario di farsi eliminare da un’altra squadra ligure di una serie inferiore: lo Spezia, allora allenato da Domenico ‘Mimmo’ Di Carlo e militante in Serie B.

Tale match resta l’esempio più recente di confronto tra i giallorossi e una formazione della Liguria; tuttavia, in passato ci sono stati diversi scontri con le due società più importanti della regione confinante con la Francia, ovvero Genoa e Sampdoria.

In totale, la Roma ha affrontato le suddette squadre genovesi in Coppa Italia in ventiquattro occasioni: contro i blucerchiati, il bilancio parla di sedici incontri, con sette vittorie capitoline, tre pareggi e sei sconfitte; statisticamente, i giallorossi si sono trovati meglio con il Grifone, che su un totale di otto sfide è stato sconfitto per cinque volte (completano il quadro un pareggio e due sconfitte).

Per quanto concerne i confronti con la Sampdoria, il primo avvenne nel lontano 1959. Il 13 settembre di tale anno, infatti, la Roma allenata da Alfredo Foni sfidò i liguri di mister Gei nel secondo turno di Coppa Italia allo Stadio Olimpico. Andò male per i giallorossisconfitti con il risultato di 2-0 tra le mura amiche a causa dei gol di Mora e Skoglund.

In Coppa Italia, tuttavia, la parola ‘Sampdoria’ per la magica vuol dire soprattutto ‘trionfo’. In due circostanze, infatti, le formazioni si sono sfidate in una finale (formula andata e ritorno) per il trofeo e in entrambi i casi ha prevalso la Roma.

La prima volta accadde nel 1986: il 7 giugno, nella finale di andata allo Stadio Ferraris di Genova, i giallorossi di Eriksson vennero sconfitti per 2-1 (gol di Mancini e Galia per i padroni di casa e del ‘cobra’Tovalieri per la Roma) ma furono poi in grado di ribaltare la situazione una settimana dopo all’Olimpico grazie a un secco 2-0 targato DesideriCerezo.

Trascorsi cinque anni, fu ancora Roma-Samporia in una doppia finale di Coppa Italia. I giallorossi uscivano dalla gloriosa presidenza di Dino Violadeceduto soltanto pochi mesi prima ed erano in una fase di transizione che sarebbe poi culminata con il pesante avvento di Giuseppe Ciarrapico al vertice del club. Iblucerchiati, invece, erano nel punto massimo della propria storia, reduci dallo storico tricolore conquistato sotto la sapiente guida di mister Vujadin Boskov. La Roma, tuttavia, compì una grande impresa, vincendo la sfida di andata all’Olimpico per 3-1 (autorete di Pellegrini e poi Berthold e Voeller per i giallorossi, gol diKatanec per i liguri) e strappando un prezioso 1-1 fuori casa (vantaggio romanista siglato dal solito Voeller e poi autorete di Aldair) nella partita di ritorno.

L’ultimo precedente nella coppa nazionale contro i doriani risale al gennaio del 2017, quando laRoma di Luciano Spalletti si sbarazzò della Samp di Marco Giampaolo negli ottavi di finale per 4-0, grazie alla doppietta di un super Nainggolan e ai gol di El Shaarawy e Dzeko.

Riguardo al Genoa, invece, per il primo confronto è necessario ritornare al dicembre del 1962, quando la Roma ancora di Alfredo Foni venne sconfitta per 5-2 all’Olimpico dai rossoblu di Gei, nel frattempo passato sull’altra sponda della città.

Mai una sfida tra giallorossi e genoani è valsa per la conquista del trofeo e per il confronto più recente bisogna addirittura tornare indietro di venticinque anni. Ottobre 1994: la Roma allenata da Carlo Mazzone disputa una doppia sfida contro i liguri del ‘Professore’ Franco Scoglio per decidere chi debba passare ai quarti di finale. La gara di andata non ha storia e al Ferraris finisce 2-0 per i padroni di casa, grazie alle reti di Castorina e Nappi. Nel ritorno all’Olimpico, tuttavia, i giallorossi ritrovano compattezza e grintaribaltando la situazione grazie a un meraviglioso 3-0 firmato dalla doppietta di Daniel Fonsecae dalla rete (che apre le danze) di un promettente giovane della rosa romanista: Francesco Totti.

www.ilgiallorosso.it