Data di pubblicazione: domenica 31 Marzo, 2019 8:35

Roma, un esame senza appello

Dentro o fuori, anche se mancano ancora 10 partite al traguardo: la Roma non può sbagliare contro il Napoli, ospite nel pomeriggio all’Olimpico (ore 15), se vuole restare ancora in corsa per la zona Champions. E magari riuscire finalmente a battere una big: nessun successo fin qui contro le 4 formazioni che la precedono in classifica. È davvero l’ultima chiamata, insomma, in questo weekend cruciale che, dopo il ko del Milan quarto a Marassi contro la Sampdoria, si concluderà in serata con il posticipo di San Siro tra l’Inter e la Lazio. Ancelottitorna nello stadio in cui vinse da giocatore lo scudetto dell’83 senza avere l’assillo del risultato (2° posto da tempo al sicuro nel forziere azzurro). È, invece, il pensiero stupendo e al tempo stesso angosciante di Ranieri, chiamato da Pallotta a traghettare i giallorossi, dopo l’esonero di Di Francesco, nelle rimanenti 12 partite, per conquistare il 4° posto, mai raggiunto in questa stagione. Ma, prima della sosta, si è reso conto di quanto sia complicata la rincorsa all’obiettivo vitale per proprietà Usa: il ko di Ferrara contro la Spal (già capace di vincere la gara d’andata) ha certificato le lacune tattiche, caratteriali, fisiche, psicologiche e comportamentali del gruppo. E soprattutto ha lasciato strascichi pericolosi. L’aggressione di Dzeko ad El Shaarawy durante l’intervallo testimonia la spaccatura dentro lo spogliatoio.

 
Ranieri si è sfogato a Ferrara e ha concesso il bis a Trigoria: basta anarchia, nelle giocate e negli atteggiamenti, la sintesi del suo discorso. In palio, come ha ricordato loro l’allenatore, c’è il futuro dei giocatori. Ha cercato, insomma, di responsabilizzarli. E di sistemarli meglio in campo, passando al 4-4-2 che garantisce protezione e ordine e che contro il Napoli gli sarebbe utile per mettersi a specchio con il collega. Questo sistema di gioco, però, non è bastato per evitare la sconfitta contro la Spal. Tant’è vero che oggi è possibile rivedere il 4-3-3, con Zaniolo mezzala e Schick alto a destra. Modifica provata nella rifinitura, anche guardando alla fragilità della difesa che, in questa stagione, non ha (quasi) mai tenuto: 58 reti subite in 38 partite (media 1,52); in campionato 39 in 28 (1,39); nel 2019 non ha preso gol solo contro la la Virtus Entella in coppa Italia (14 gennaio) e Olsen ha chiuso senza incassarne solo in 7 gare. L’attacco, anche se di solito non fa cilecca, aspetta intanto i gol in casa di Dzeko, a digiuno in campionato all’Olimpico da 11 mesi (dal 28 aprile, doppietta nel 4-1 contro il Chievo). Schick sarà ancora il suo partner. In coppia si devono riscattare dopo la figuraccia in Emilia. Tra i 21 convocati tornano Manolas, Kolarov, De Rossi e Under. Solo il fluidificante mancino è sicuro di partire titolare.

Se Ranieri deve rinunciare agli azzurri Florenzi, Pellegrini ed El Shaarawy che sono stati spesso titolari in questa stagione e come al solito a Pastore, Ancelotti sta sicuramente messo peggio del collega. Il Napoli arriva nella Capitale con la rosa dimezzata: restano a casa gli infortunati Diawara, Albiol, Chiriches, Insigne, Ospina e Ghoulam più lo squalificato Zielinski. Sono, dunque, 7 gli assenti e appena 18 i convocati, tra i quali il millennial Gaetano (classe 2000) che per ora ha debuttato solo in Coppa Italia: il trequartista, 19 anni il prossimo 5 maggio, è nazionale Under 19. Recuperato in extremis Fabian Ruiz, pronto ad affiancare Allan a centrocampo.

il Messaggero

www.ilgiallorosso.it

La nostra pagina Facebook