Roma da record: quinta vittoria e vetta in solitaria

(Leggo – F.Balzani)  La sveglia di Trigoria questa mattina sarà meno antipatica. La squadra di Garcia, infatti, dopo la vittoria di ieri a Marassi con la Sampdoria (mancava da maggio 2009) aprirà gli occhi da primatista assoluta della serie Ae con un record fresco fresco: nessuno nella storia giallorossa aveva mai vinto le prime 5 partite di campionato. «Il record fa piacere, ma voglio entrare nella storia a fine stagione. Abbiamo vinto 5 partite di cui 3 fuori casa. Il primo bilancio però lo voglio fare dopo le prime 10. Per ora il merito è tutto dei miei giocatori, hanno giocato molto bene stasera, ho un gruppo fantastico. L’espulsione? Non è successo niente, ma non è importante. È importante aver vinto. Scudetto? Non capisco la domanda (ride, ndr)», ha dichiarato Garcia che in queste ore a Roma è più famoso di Napoleone.

Il tecnico francese ha conquistato l’ennesimo successo nella ripresa (12 gol, tutti nel secondo tempo) dopo l’ingresso di Totti sacrificato sull’altare del turn over. «Stavolta abbiamo giocato il miglior primo tempo della stagione – aggiunto Garcia – Totti? È chiaro che tutti i giocatori che entrano hanno la voglia di aiutare la squadra. Così siamo ancora più forti». Il capitano – che a inizio partita ha scherzato coi fotografi («Non v’abituate a vedermi qui») non si lamenta: «Questo successo dà la prova di quanto siamo tutti fondamentali ed è dedicato a chi gioca meno. Domenica spero in un Olimpico esaurito, moltiplicherà il nostro entusiasmo». Lo scettro di eroe della giornata stavolta se lo becca Benatia. «Oggi abbiamo dimostrato di essere una grande squadra, abbiamo lottato, è stato difficile contro una squadra tosta. La difesa? Merito della cattiveria, senza quella non si va avanti ma anche del lavoro di squadra, abbiamo ricevuto tante critiche ma stiamo facendo vedere a tutti che abbiamo qualità. Dobbiamo fare ancora tanto, cinque partite non sono nulla. Il merito è tutto di Garcia».

Gioia anche per Gervinho al primo gol in serie A: «Che gioia, lo volevo da tanto e spero di farne tanti altri». Unica nota stonata l’infortunio muscolare di Maicon. Per il brasiliano sospetta lesione al quadricipite femorale (1 mese di stop). Oggi a trigoria gfli esami strumentali.