Data di pubblicazione: sabato 18 Luglio, 2015 15:50

Pjanic: “Abbiamo iniziato bene. Dzeko? Non devo convincerlo io…”

pjanic real madrid(asroma.it) – Miralem Pjanic, centrocampista bosniaco della Roma, è stato oggi uno dei protagonisti della sfida che a Melbourne ha visto i giallorossi battere ai rigori il Real Madrid: il numero 15 ha infatti realizzato uno dei penalty che ha consentito agli uomini di Garcia di aggiudicarsi questo primo match della International Champions Cup.
Per asroma.it abbiamo raccolto le sue parole a caldo sulla gara e in generale su questo inizio di tour estivo in Australia e sullo stato della preparazione sua e dei compagni. Leggete qui sotto cosa ci ha raccontato.
Un buon test. Anche se in amichevole è sempre importante vincere con una squadra come il Real, vero?
“È sempre bello vincere, in qualsiasi occasione e in qualsiasi modo, anche ai rigori come oggi. Ma oltre il risultato oggi è importante aver fatto una buona partita, giocando in maniera organizzata. Quindi, posso dire che è un buon inizio per questo inizio della preparazione stagionale”
I ritmi sono ancora bassi, ma sembra che in campo, essendo molti giocatori gli stessi dello scorso anno, vi ritrovate bene: è così?
“Riguardo il ritmo basso è normale: siamo solo al quarto giorno di allenamento, poi c’è stato il lungo viaggio e ci stiamo ancora confrontando con il fuso. Però ho visto che la squadra si trova bene. Stiamo lavorando per fare in gara quello che il tecnico ci chiede in allenamento. Degli automatismi dall’anno passato ci sono, ma dobbiamo migliorare. Sicuramente quello su cui stiamo lavorando ora in fase di preparazione è la forma fisica che è importante per avere più continuità durante i novanta minuti”.
Qui a Melbourne avete trovato l’inverno: quanto vi aiuta lavorare al fresco?
“Col caldo è difficile lavorare. Il clima che abbiamo trovato qui è diverso da quello di Roma, dove sta facendo caldissimo. Abbiamo tutto per lavorare bene qui: una tournée importante, due belle partite con avversari internazionali e un buon clima. Penso che questo tour sarà molto importante e molto positivo”.
Si parla molto di Dzeko in questi giorni di mercato. Si dice che tu lo abbia consigliato in qualche modo. Tu che lo conosci bene, sai se ci tiene a venire alla Roma?
“Nessuno lo deve convincere. Lui conosce già molto bene la Roma e qualcuno di noi giocatori: anche io mi sento spesso con lui. Che dire? Speriamo che si farà (l’operazione di mercato). Lui ha una opinione molto positiva della Roma. Vediamo nei prossimi giorni cosa succederà”.
Oggi il Real, martedì il City: si sente aria di Champions…
“È sempre bello giocare contro il Real e il City: si respira sempre una bella aria quando si gioca contro giocatori forti e internazionali che giocano ogni stagione per vincere dei trofei importanti”.
Tatticamente è cambiato qualcosa dalla prima gara. La squadra può cambiare modulo dal 4-3-3 al 4-2-3-1?
“Oggi abbiamo lavorato tatticamente su più cose, con il mister che ci ha chiesto delle cose specifiche. Oggi abbiamo fatto il 4-3-3 ma sappiamo, come del resto è accaduto la scorsa stagione, che possiamo cambiare e fare un 4-2-3-1 o 4-3-1-2. Il modulo può sempre cambiare e Garcia ci farà sicuramente lavorare su altri schemi, ma questo dipenderà da lui. Ripeto, l’importante è lavorare e che i nostri movimenti diventino degli automatismi. Siamo qui per questo, per prepararci bene per la prossima stagione”.