Ultime Notizie

Dybala in tribuna nella vittoria contro l’Honduras. Il ct Scaloni: “Inutile rischiarlo, disponibile dalla prossima” Stadio di fattibilità. Pietralata: il nuovo iter parte il 3 ottobre DERBY ROMA-LAZIO: info biglietti. Da oggi al via la prima fase di vendita riservata agli abbonati in Curva Nord Termina la gara Italia Inghilterra 1-0 Risultato finale Italia-Inghilterra, Nations League 1-0, gol di Raspadori Spinazzola: “Quando siamo tornati a Roma dopo la Conference League ci siamo resi conto di ciò che avevamo fatto”

Queste le parole di Adem Ljajic, intervistato in esclusiva dal canale tematico giallorosso Roma Channel:

 

Come hai vissuto i primi mesi a Roma?
Sto bene, abbiamo fatto un gran campionato e sono felice. Mi trovo bene sempre di più, speriamo di continuare così

Un giudizio su questo girone d’andata?
Finora non ho dato il 100%, ora sono al 60%, posso dare di più e voglio migliorare ogni giorno. Riguardo alla squadra, abbiamo fatto bene finora, vediamo dove arriviamo.

Quel rigore nel derby, eri emozionato?

No, prima avevo già segnato con la Lazio, sempre su rigore.

Molto più bello?

Finora è il momento più bello fin qui a Roma.

Non c’era molta emozione da parte tua.

Ho avuto la fortuna di giocare a 17 anni il derby Partizan-Stella Roma, un derby molto ‘pesante’ e importante in Serbia. Sono abituato a giocare i derby.

I giudizi sulle tue prestazioni, sei stato giudicato nella maniera opportuna?

Sono contento delle mie prestazioni, sicuramente non ho avuto molta fortuna. Voglio continuare a dare il massimo ogni giorno, speriamo arrivino i gol

Sei primo in Serie A per passaggi riusciti. Un po’ strano?

Non sapevo questa cosa. Sono soprattutto un giocatore che gioca per la squadra, prima di tutto. 

A Udine la tua miglior partita?

E’ stata la gara più difficile finora, abbiamo vinto in 10. La partita più ‘pesante’ e più bella.

La tua infanzia, hai capito cos’è la fortuna di essere un calciatore.

Adesso si, capisco tutto ed è bello arrivare qui in una grande squadra come la Roma. Era il mio sogno da bambino. 

Se ci fosse la vecchia Jugoslavia, voi sareste i più forti di tutti?

Sicuramente, se fossimo ancora tutti insieme, saremmo la nazionale più forte d’Europa.

Garcia ti lascia molta libertà. Qual è il ruolo che senti più tuo?

Questa libertà di manovra è importante, ma non ce l’ho solo io. Il mister vuole che giochiamo sempre in movimento è mi piace. Parlare del mister ora è facile, ha fatto grandi cose. E’ un ottimo allenatore e ti da fiducia, è sempre vicino alla squadra. Sono fortunato a lavorare con lui.

Il gruppo è pronto a riprendersi i tifosi.

Non mi aspettavo un gruppo così, un gruppo così pronto per fare cose importanti. Ora vediamo dove arriviamo, non voglio parlare fino a fine campionato

Ti manca il gol?

Sicuramente mi manca, il gol da sicurezza, ma non mi preoccupo, spero che arrivino il più presto possibile

Il rapporto con i tifosi?

Sono sempre disponibile, ho un ottimo rapporto. Vogliono che continuiamo così.

Gli obiettivi della Roma?

La Juve è sicuramente più avanti, ma c’erano altre 3-4 squadre in lotta per il secondo posto. Ora noi siamo li, speriamo di vincere il più possibile. Di sicuro per lo scudetto non molliamo fino alla fine, ma anche il secondo posto è un ottimo risultato.

Totti?

Non ho molto da dire, non ci sono molti giocatori al mondo come lui, è un campione. Giocare con lui è facile, mi fa piacere giocare con lui.

Il Livorno?

Sicuramente è una partita difficile quella di sabato. il Livorno è in difficoltà e verrà a difendersi, noi andremo in campo con l’atteggiamento giusto e speriamo di vincere. Spero ci saranno molti tifosi ad aiutarci.