Data di pubblicazione: sabato 18 Aprile, 2015 23:20

L’avversario della Roma: l’Atalanta

atalanta roma giallo1Difficile che vada in gol, ma un po’ più complicato segnarle. I numeri dell’Atalanta di Reja – dopo 30 turni di campionato – parlano chiaro: è il terzo peggior attacco della Serie A con 26 reti realizzate (in media meno di un gol a partita) ed è la nona difesa meno perforata con 41 gol incassati.

In classifica è posizionata al quartultimo posto, ma in zona relativamente tranquilla, a più sette dal Cesena diciottesimo. Una squadra,quella nerazzurra, che ha cambiato guida tecnica alla ventiseiesima giornata: al posto dell’esonerato Colantuono è subentrato l’ex tecnico della Lazio. Sotto la nuova guida – nelle ultime cinque gare – i nerazzurri hanno conquistato tre pareggi (tra cui uno prestigioso al San Paolo con il Napoli, 1-1), una sconfitta e una vittoria la settimana scorsa in casa con il Sassuolo (2-1). Dunque, sei punti nei 450 minuti totali.

Il rendimento in trasferta non ricalca quello tra le mura amiche: lontano dallo stadio “Atleti Azzurri d’Italia” i bergamaschi hanno ottenuto 12 punti in 15 match (2 successi, 6 pareggi e 7 ko). Facendo un rapido calcolo di addizione o sottrazione, emerge che lo score interno è migliore: 17 punti.

Gli elementi più utilizzati della rosa sono il portiere Sportiello, i difensori Stendardo, Bellini, Biava, Zappacosta, Benalouane, Dramè, i centrocampisti Moralez, Baselli, Carmona, Cigarini, gli attaccanti, Gomez, Denis e Boakye. Il miglior marcatore è il centravanti argentino Denis, autore di 6 reti. Il sistema di gioco di riferimento è il 4-2-3-1. Con l’avvento del nuovo allenatore non c’è stato uno stravolgimento tattico, la base di partenza è sempre quello della difesa a quattro.

(asroma.it)

La nostra pagina Facebook