Data di pubblicazione: giovedì 21 Novembre, 2019 18:12

L’amico americano: la Roma apre a Friedkin, un altro magnate Usa per sostituire Pallotta

Presto all’Olimpico la Roma potrebbe avere un tifoso in più ad applaudirla. È americano, ma non è Pallotta, anzi è pronto a prenderne il posto. Si chiama Dan Friedkin e da qualche ora ha allungato più di una mano sulla squadra giallorossa. Il curriculum parla per lui: 54enne di Houston, 4,2 miliardi di dollari di patrimonio, il 187° uomo più ricco degli Stati Uniti, nell’ultimo anno ha venduto Toyota per 9 miliardi di dollari con il suo Gulf States Toyota, distributore esclusivo delle vetture giapponesi in cinque stati americani. Figlio del fondatore del gruppo, Thomas, morto nel 2017, Dan ha ricevuto un paio di mesi fa il fascicolo Roma. Da quel momento, l’interesse è cresciuto esponenzialmente fino alla mossa della scorsa settimana: venerdì scorso è piombato nella capitale insieme a moglie e uno dei 4 figli, assistito dall’advisor Jp Morgan e da consulenti legali e fiscali, per fare un passo ufficiale: è stato ricevuto allo studio Tonucci, advisor legale di Pallotta, e nella sede del club giallorosso all’Eur. «Sono in corso dei contatti preliminari con potenziali investitori al fine di permettere loro di valutare un possibile investimento», ha ammesso ieri la Roma in un comunicato sollecitato dalla Consob: le notizie della giornata avevano fatto schizzare di 16 punti il titolo in Borsa, poi sospeso per eccesso di rialzo. Se la società è uscita allo scoperto è perché i discorsi sono molto avanzati, anche perché questa non è la prima dimostrazione di interesse ricevuta. Ma Friedkin è pronto a sottoscrivere interamente o quasi l’aumento di capitale da 150 milioni del club (dovrebbe coprirne almeno 130). Ma non si fermerà qui: la volontà è rilevare il pacchetto di maggioranza, il 51% della società che detiene il controllo della Roma. Pallotta valuta il suo giocattolo un miliardo di dollari, a cui però bisogna sottrarre i 275 milioni di debito e i 130-150 dell’aumento di capitale. Che porterà comunque a diluire le quote di Pallotta. Per completare almeno la fase uno dell’operazione – ossia l’ingresso di Friedkin nel capitale – non ci vorrà molto: entro gennaio, il passo dovrebbe essere compiuto. Lo richiede l’interesse della società giallorossa, che ha bisogno di presentarsi all’avvio del mercato invernale senza situazioni in ballo. E lui è pronto: ha studiato la società, facendosi convincere dal lavoro di ristrutturazione aziendale messo in atto in estate e apprezzandone l’attuale amministrazione.

Repubblica.

www.ilgiallorosso.it

La nostra pagina Facebook