Data di pubblicazione: giovedì 17 Dicembre, 2020 8:02

L’accusa razzista di Amaral: “Totti mi chiamava ne**o”. L’ex capitano pronto alla querela

Accuse di razzismo dal Brasile indirizzate direttamente a Francesco Totti

L’ex capitano della Roma, innalzato a simbolo di lealtà e sportività, secondo un ex giocatore di Fiorentina e Parma è invece un razzista. Le parole, rilasciate durante un’intervista alla brasiliana SportTv, sono di Alexandre da Silva Mariano, meglio noto come Amaral, ex mediano del Parma (stagione ’96-’97) e Fiorentina con cui ha militato tra il 2000 e il 2002:

Totti mi chiamava ‘ne**o’ e mi diceva che io, in favela, mangiavo la m***a. Io capì qualcosa e minacciai di fargli male, di rompergli qualcosa, però Di Livio mi ha chiesto calma: “lui è il capitano’, disse, e gli risposi ‘ma che capitano? Mi sta mancando col rispetto!’. Ero così nervoso che avrei voluto picchiare Totti. Parole pesanti quelle di Amaral, segnalate anche dall’account Twitter dell’Osservatorio su episodi di razzismo nel calcio brasiliano. Amaral non ha specificato di quale match si trattasse, ma lui e Totti si sono incrociati una sola volta: era il 3 febbraio 2002, al Franchi si giocò un Fiorentina-Roma poi terminato 2-2.

Le dichiarazioni non hanno lasciato indifferente l’ex capitano giallorosso, ora pronto a ricorrere alle vie legali. Lo stesso Di Livio, citato nel racconto del brasiliano, ha smentito l’accaduto: “Amaral cerca pubblicità. Posso assicurare che non mi ha mai detto nulla di simile“.

SportTv

www.ilgiallorosso.it

Classifica serie A

Our Facebook Page