Data di pubblicazione: venerdì 19 Gennaio, 2018 8:33

La Roma prenota Cristante

Share This
Tags

IL TEMPO – MENGHI – Il presente è per le cessioni, il futuro si costruisce sotto traccia. La rifondazione romanista è già cominciata, sarà un processo lento che terminerà in estate e Monchi non vuole farsi trovare impreparato. Ecco perché sta lavorando lontano dai riflettori ad un affare per giugno: Bryan Cristante, uno dei protagonisti della giovane e bella Atalanta che sta stupendo l’Europa, è finito nel mirino del diesse. C’è molto di più di un interesse, i contatti sono stati avviati da tempo sia col procuratore del 22enne sia con il club nerazzurro, che a fine stagione eserciterà l’opzione per il riscatto del giocatore in prestito dal Benfica: 4 milioni di euro pronti a moltiplicarsi nelle casse dei bergamaschi. Una volta ottenuto il cartellino del centrocampista, potranno venderlo al miglior offerente e gli estimatori certo non mancano a Cristante, tenuto d’occhio da Inter e Juventus in Italia, ma già puntato anche dall’Atletico Madrid di Simeone. E la vetrina europea non farà altro che allungare la lista. La Roma ci sta pensando seriamente e vorrebbe evitare di ritrovarsi in mezzo ad un’asta milionaria, Monchi si è mosso in anticipo per tenere indietro le possibili rivali, ma lo stesso hanno fatto Ausilio e Sabatinie in 5 mesi tutto può succedere. L’operazione ricorda quella,mancata, di Kessie,prenotato dall’ex diesse «ad interim» Massara e lasciato in eredità allo spagnolo appena arrivato da Siviglia, prima che s’inserisse prepotentemente il Milan alzando la posta in palio e scombinando le carte in tavola. Stavolta la storia può essere diversa, Monchi sta monitorando Cristante e non vuole lasciarselo scappare: può essere il futuro del centrocampo, il reparto maggiormente destinato ai ritocchi di fine anno.

Bryan è giovane, ma ha già fatto un’esperienza all’estero, che non è stata rose e fiori: il Milan nel 2014 lo ha venduto per 6 milioni di euro al Benfica, dove ha raccolto 20 presenze in tutto, restando ai margini in campionato e trovando (poco) spazio nelle coppe. All’Atalanta è rinato, quest’anno ha segnato 9 gol e il suo valore è cresciuto esponenzialmente anche grazie al lavoro di Gasperini. Nella Roma di Di Francescopotrebbe giocare sia centrale sia esterno di centrocampo con De Rossi all’ultimo anno di contratto e un grande punto interrogativo su Strootman, Nainggolan e Pellegrini.Quest’ultimo ha una clausola rescissoria che la Juventus tiene bene a mente, certo se i bianconeri puntassero sul romanista potrebbero allentare la presa su Cristante, mentre per Radja l’ipotesi Cina è oggi sullo sfondo ma è pronta a tornare a galla, che sia a gennaio o a giugno. Il primo a salutare, però, potrebbe essere un terzino: Palmieri è sempre più vicino al Chelsea. Il brasiliano ha l’accordo con il club e la Roma con i Blues, che sul piatto hanno messo 20 milioni di euro più bonus. «È una possibilità concreta, per Emerson sarebbe un sogno farsi allenare da Conte», la conferma dell’agente Garcia acalciomercato.com. L’ultima parola spetta ad Abramovic: se darà l’ok, l’affare potrebbe chiudersi presto. La Juventus resta alla finestra nel caso saltasse tutto. West Ham e Newcastle hanno fatto dei sondaggi su Peres, ma non c’è nulla di concreto per ora. Intanto Di Livio Junior cambia casacca, sempre in prestito: dalla Reggina, dove è stato squalificato per doping fino a fine ottobre, al Matera.