Data di pubblicazione: venerdì 22 Ottobre, 2021 11:18

Josè Mourinho: “La responsabilità è mia, io ho deciso di giocare con questa squadra. Ora nessuno di voi mi chiederà più perché giocano sempre gli stessi”

Share This
Tags

José Mourinho sul campo del Bodo Glimt, rimedia una batosta storica visto che in oltre 1000 partite da allenatore mai una sua squadra aveva incassato una sconfitta con 6 gol di scarto. Il tecnico si prende le sue responsabilità e ribadisce che il dislivello fra titolari e seconde linee è troppo ampio: “Abbiamo perso contro una squadra che ha più qualità di noi”.

José Mourinho, allenatore della Roma, ha parlato ai microfoni di Sky Sport dopo la disastrosa sconfitta contro il Bodø/Glimt. Ecco le sue dichiarazioni:

Di chi sono le responsabilità di questa sconfitta? C’è stato un problema di mentalità o è una questione tecnica?

“Mia. Io ho deciso di giocare con questa squadra, ho fatto tutto con una doppia buona intenzione per dare l’opportunità di giocare a chi non ha giocato tanto. Ho voluto far riposare gente che ha giocato sempre, soprattutto considerando il campo artificiale, il clima. Abbiamo perso contro una squadra che ha più qualità di noi. La loro squadra principale, messa a confronto con la nostra che è scesa in campo oggi, è più brava. Se potessi giocare sempre con gli stessi giocatori lo farei, abbiamo una differenza di qualità tra un gruppo di giocatori e un altro. In una fase a gironi con 6 partite ho deciso di fare questi cambi. Sapevo i limiti di qualche giocatore, però mi aspettavo una risposta migliore. La scelta è stata mia, la responsabilità è mia”.

C’è il rischio di una ferita aperta dopo una sconfitta di queste proporzioni?

“Non ho dubbi sul fatto che questa sconfitta lasci una ferita, ma io sono stato onesto con tutti i giocatori. Non posso essere totalmente aperto con voi, cerco di parlare in maniera intima con una bella famiglia come la nostra. Non ho mai nascosto il fatto che siamo una squadra con tanti limiti, oggi l’unica cosa positiva è che nessuno di voi mi chiederà più perché giocano sempre gli stessi”. 

Domenica non si può sbagliare con il Napoli.

“Non si può sbagliare mai, si può sbagliare sempre. Questo è il calcio, la nostra squadra principale sta giocando bene, meritava più punti in campionato. Domenica andremo con la nostra mentalità, anche se con un peso sulle spalle di una sconfitta storica. Il problema dei 6 gol subìti non mi dispiace per la mia carriera, mi dispiace più per i ragazzi”.

Se la società le chiedesse spiegazioni su questa sconfitta, che spiegazioni darebbe?

“Una spiegazione normale, con qualcosa che ho già detto in privato anche prima del 6-1. Non è questo risultato che mi porta a dire delle cose che non ho già detto prima, non porterò fuori quello che succede all’interno”. 

ilgiallorosso.it