Ultime Notizie

Dybala in tribuna nella vittoria contro l’Honduras. Il ct Scaloni: “Inutile rischiarlo, disponibile dalla prossima” Stadio di fattibilità. Pietralata: il nuovo iter parte il 3 ottobre DERBY ROMA-LAZIO: info biglietti. Da oggi al via la prima fase di vendita riservata agli abbonati in Curva Nord Termina la gara Italia Inghilterra 1-0 Risultato finale Italia-Inghilterra, Nations League 1-0, gol di Raspadori Spinazzola: “Quando siamo tornati a Roma dopo la Conference League ci siamo resi conto di ciò che avevamo fatto”

La Roma batte la Sampdoria all’Olimpico 1-0 qualificandosi ai quarti di finale di Coppa Italia. Di seguito le parole di Rudi Garcia: “Mi è piaciuta la gara. Abbiamo avuto tante occasioni di segnare il secondo gol. Non abbiamo sofferto la Sampdoria. Peccato non aver segnato. Abbiamo visto un grande portiere, perché la parata su Florenzi è di un portiere di grande livello. Preferisco sbagliare i gol perché ne creiamo tanti. Sarò triste quando la Roma non avrà più occasioni.La qualificazione era la parola del giorno. Dovevamo andare ai quarti di finale. Nainggolan? Lui può giocare anche regista o trequartista, non cambia. Pjanic può giocare più alto, Totti più basso. con Radja abbiamo più alternative. Peccato che Bradley sia andato via, io lo volevo tenere, ma lui voleva andare. Buona fortuna a lui. Ljajic? Ha fatto una bella gara, in tutte le occasioni della Roma Adem ha fatto qualcosa. Ha avuto solo una occasione di sinistro. Ha fatto anche un assist per Nainggolan. Ha lavorato tanto per la squadra. Mi è piaciuta veramente tanto la sua prestazione. Dodò? Ha preso una bella botta alla caviglia. Quando Benatia è entrato eravamo più forti nei contrasti di testa e non volevo sforzare Dodò. Torosidis a sinistra? Il suo migliore posto è a destra. Quando gioca fa sempre la sua partita. Bradley? Michael voleva andare, non possiamo tenere un giocatore che vuole andare via. Capisco che voglia giocare di più ma con De Rossi, Pjanic e Strootman è difficile trovare spazio. Con Naingolan saremo più forti. Quest’anno ho giocato alcune partite senza ben 2 centrocampisti titolari. Juventus? La gara che conta è la gara di domenica. La pagina Coppa Italia è finita. Adesso è importante giocare col Genoa. Siamo tornati subito alla vittoria. Ci sarà tempo della Juventus per parlarne e ne parleremo molto, ma prima conta vincere la partita della domenica. Io non voglio che i miei giocatori abbiano la testa alla Juve. E’ un peccato giocare alle 18, non c’è molta gente. Molti ancora lavorano. Penso che se la Coppa Italia voglia avere più importanza bisogna pensare anche a questo”.