Fonseca dopo Roma-Napoli: “Primo tempo senza coraggio e senza mentalità contro le grandi”

L’allenatore giallorosso, Paulo Fonseca, al termine della sfida persa contro il Napoli è intervenuto ai microfoni di SKY. Molta amarezza per il tecnico e la sua squadra, poiché all’Olimpico si è disputato un match fondamentale per la zona Champions League e i giallorossi non hanno avuto molti giorni per preparare la sfida, a causa degli impegni europei. La formazione di Gattuso, trionfando, ha scalzato gli avversari e si è posizionata quinta in classifica a -2 da Atalanta e Juventus, con una partita in meno ancora da disputare: proprio lo scontro diretto con i bianconeri, sconfitti in casa dal Benevento nella 28esima giornata di campionato.

Fonseca infuriato dopo la sconfitta all’olimpico contro il Napoli

“È un Paulo Fonseca decisamente arrabbiato quello che si presenta ai microfoni di Sky Sport al termine di Roma-Napoli. I giallorossi perdono ancora uno scontro diretto e l’allenatore giallorosso individua in una mancanza di personalità le motivazioni della sconfitta: “Forse non abbiamo la mentalità per lottare contro questo tipo di squadre. Nel primo tempo ho visto una squadra senza coraggio, con mancanza di mentalità. Nel secondo tempo siamo stati completamente diversi, abbiamo avuto l’iniziativa e la partita è stata totalmente diversa. Nel primo tempo non siamo esistiti e la responsabilità è di tutti. Quando si ha paura di giocare diventa difficile. Quello che ha fatto la squadra nel secondo tempo è la dimostrazione che possiamo giocare contro queste squadre. Se fosse stato brutto anche il secondo tempo direi che non abbiamo le qualità per giocare contro squadre come il Napoli, ma non è stato così. Mi chiedo perchè non possiamo entrare in campo nello stesso modo in cui abbiamo giocato il secondo tempo. Secondo me è una questione di atteggiamento e mentalità, nel primo tempo non ho visto la voglia di giocare. Abbiamo sempre aspettato l’avversario, nel secondo tempo è cambiato tutto”.

ilgiallorosso.it