Data di pubblicazione: domenica 15 Lug, 2018 0:34

Di Francesco: “La difesa è il reparto che mi è piaciuto di più. Schick lo vedo voglioso e determinato, Florenzi va incitato”

DI FRANCESCO IN CONFERENZA STAMPA   al termine della prima amichevole stagionale contro il Latina ha rilasciato alcune dichiarazioni. Queste le sue parole:

Cosa volevi vedere? Che cosa hai apprezzato? 
Prima di tutto che non si facessero male, era importante dopo questi giorni in cui abbiamo caricato abbastanza, era un pericolo. Ho visto cose interessanti e altre giustamente da migliorare, può essere all’inizio di una stagione. Ma c’è stato il desiderio di andare a far gol e di verticalizzare, di palleggiare e di andare a fare gol come volevo. Questo è quello su cui abbiamo lavorato tantissimo in questi giorni e dovremo continuare. Il fatto di avere tanti giocatori della rosa a disposizione mi permette di lavorare sicuramente meglio.

La squadra può rimanere al 99% questa? 
Attualmente abbiamo una rosa molto ampia, è il momento di fare scelte importanti e valutazioni, il mercato è sempre vivo, Monchi ne ha parlato tantissimo di mercato e penso sia la persona più giusta per poterne parlare. Ha detto che si guarda sempre attorno, sia in entrata sia in uscita, siamo costantemente in contatto per fare delle valutazioni.

Karsdorp l’ha convinta nel primo tempo? Chi gli è piaciuto dei nuovi acquisti? 
Karsdorp si è mosso con disinvoltura, all’inizio ha fatto un po’ fatica come tutti nel trovare il ritmo giusto, ma è in crescita e ne sono contento. Corre sciolto e questo è un motivo di soddisfazione oggi. Siamo solo all’inizio, fare valutazioni è prematuro. Si è mosso bene anche Pastore nella seconda parte del primo tempo, quando ha iniziato a giocare di qualità, è quello che vogliamo da lui e ci auguriamo faccia con continuità.



Sia in questi allenamenti che in questa partita si nota uno Schick diverso: ha un’altra voglia e un’altra intensità nel gioco…
Credo che la voglia ci sia sempre stata, c’è una maggiora conoscenza. L’anno scorso lui non ha fatto la preparazione e non ha avuto il tempo né di conoscere l’ambiente né di trovare una condizione migliore. In questo momento lo vedo voglioso e determinato, ancora ha da migliorare alcuni movimenti, ma ha la qualità di sapersi muovere per tutto l’attacco così come Dzeko.

Era un’amichevole che lei voleva dopo pochi giorni di allenamento per fare un test di peso?
Noi abbiamo scelto una squadra di D per fare una cosa intermedia e dare forza a quello che abbiamo fatto in settimana e per fare giocare tutti. Quando i carichi di lavoro sono tanti non è corretto dover giocare subito gare importanti, è una progressione e sono contento di questo. La prossima è con una squadra di B e piano piano affronteremo squadre più importanti. E’ una cosa voluta e sono contento di questo. Anche del fatto che si faccia gol sono contento, dà forza e motivazione e gli attaccanti fanno i movimenti che chiedo.

C’è stato qualche coro contro Florenzi. Il ragazzo è sereno rispetto a questo?
Ho visto delle situazioni positive in questi giorni sul suo rinnovo, sono convinto che con la società siano avanti. Questa è l’impressione che ho avvertito. A me non piace entrare in questi discorsi, io preferisco allenare i giocatori. Florenzi è un giocatore della Roma, sono più contento quando viene incitato rispetto a quando dicono cose che nessuno vorrebbe sentirsi dire.

Strootman al posto di De Rossi è un’idea che porti avanti quest’anno? 
No, non c’era Gonalons e ho messo Strootman. Tra i centrocampisti quello più indicato è lui, avrei potuto provare anche Coric, ma ritenevo che nel passaggio di crescita di un giocatore che arriva in un campionato nuovo sia più facile fare la mezzala che il centrale. Ritengo che abbia caratteristiche offensive in questo momento.

Kluivert è stato spostato di fascia? 
Ha giocato sia a destra che a sinistra, io ora ho più destri quindi cerco di valutare diverse cose. A sinistra tenta a venire più dentro, a destra rimane più aperto perché la tendenza è di un destro, è la normalità. Dipende poi dalle squadre che si affrontano, nel secondo tempo loro erano molto chiusi. Facevamo fatica ad entrare centralmente e si usavano di più le corsie laterali.

Una valutazione su Cristante e Marcano? 
Sono contento del loro arrivo, Marcano lo conoscevo ma non bene come Cristante. Ha grande applicazione negli allenamenti, oggi la difesa è il reparto che mi è piaciuto di più per come si è mosso. Abbiamo fatto allenamenti specifici in questi giorni. Mi è piaciuta la sua interpretazione, ha già quasi imparato l’italiano, ha disponibilità al lavoro. Cristante ha qualità importanti non solo tecniche ma anche fisiche, deve coordinare i movimenti offensivi che facciamo con gli altri.

www.ilgiallorosso.it