De Rossi: “Ribadisco ciò che ho detto..”

“Non c’è niente da chiarire”. Così Daniele De Rossi torna sulle sue parole di ieri («A Roma si vive di calunnie. Devi stare sempre attento a come ti muovi, a quello che dici, perché ti vengono attaccante delle pecette vergognose…») che hanno acceso un grande dibattito a Roma. «Ho fatto delle dichiarazioni che rivendico e ribadisco – spiega il centrocampista azzurro – non voglio distrarmi pensando alla Roma. Il futuro per me è domani e contro il Brasile. La serenità che abbiamo qui in Nazionale penso che si costruisca negli anni».

“Il risultato della finale in Israele non è sconfortante – ha detto De Rossi sull’under 21 -: con un pizzico di invidia gli spagnoli li vediamo continuare così, non si stancano di giocare del bel calcio, e io non ho mai considerato chiuso quel ciclo nonostante il ko del Barcellona in Champions”. “Pensavo che la nostra under 21 avrebbe vinto – aggiunge il centrocampista – invece dopo poco si è capito che sarebbe stata molto difficile, come noi l’anno scorso a Kiev. Loro sono su livelli molto alti, però noi italiani continuiamo a migliorare e in finale ci arriviamo anche noi. Stiamo sempre lì, e alla fine non è detto che vincano sempre gli spagnoli”. Hai visto mai che ci prova l’Italia nella Confederations Cup: “noi vogliamo arrivare fino a Rio, in finale”, sottolinea De Rossi.