Ultime Notizie

Dybala in tribuna nella vittoria contro l’Honduras. Il ct Scaloni: “Inutile rischiarlo, disponibile dalla prossima” Stadio di fattibilità. Pietralata: il nuovo iter parte il 3 ottobre DERBY ROMA-LAZIO: info biglietti. Da oggi al via la prima fase di vendita riservata agli abbonati in Curva Nord Termina la gara Italia Inghilterra 1-0 Risultato finale Italia-Inghilterra, Nations League 1-0, gol di Raspadori Spinazzola: “Quando siamo tornati a Roma dopo la Conference League ci siamo resi conto di ciò che avevamo fatto”

È atteso per oggi il pronunciamento della Corte di giustizia federale che, esaminato il ricorso presentato dal club, dovrà decidere se confermare la decisione del giudice sportivo di chiudere per due turni la curva Sud e per uno (il 12 gennaio contro il Genoa) la Nord. Per i tifosi della Roma oggi è il giorno del giudizio; arriverà una decisione che, secondo l’edizione odierna de Il Corriere della Sera, farà discutere ancora per molto tempo. La memoria difensiva della Roma sostiene che circa 800 dei 1700 tifosi presenti a San Siro sono residenti in Lombardia, possessori delle tessere per andare in trasferta ma non abbonati in curva Sud. Un fatto che stride con la chiusura del settore.

Sul caso si è espresso anche Giovanni Malagò, tifoso romanista dichiarato ma soprattutto presidente del Coni, che ha parlato a margine della cerimonia di consegna dei Collari d’oro: «Il ricorso della Roma contro le curve chiuse? Secondo me la società giallorossa ha fatto benissimo. E chiaro che tutto si fonda sulla base di un referto e bisogna capire bene cosa è stato sentito e cosa è stato detto. Mi sembra che non ci sia proprio univocità di giudizio. Le sentenze vanno rispettate: su due piedi mi sembra ci sia stato un rigore, che io ho sempre molto apprezzato, ma che però deve essere confermato dai referti».