Data di pubblicazione: lunedì 17 Giugno, 2019 13:43

Cotroneo: “Non siamo i Boston Celtics. Gestire la Roma significa rispettarne storia e tradizione. Totti la nostra storia più bella”

Roberto Cotroneo, scrittore e giornalista di 58 anni, è stato intervistato da La Gazzetta dello Sport e ha espresso il suo parere anche in merito alla decisione di Totti di lasciare la Roma. Queste le sue parole:

E così la Roma ha lasciato andare prima De Rossi, ora Totti…

Da non crederci, perché la Roma non è una squadra come un’altra. Con tutto il rispetto, non siamo i Boston Celtics. Gestire la Roma significa rispettarne la storia e la tradizione, e Totti è stata la nostra storia più bella, per trent’anni ci ha regalato meraviglie, perché non dargli il tempo di abituarsi alla nuova vita?».

Ma Pallotta gli aveva proposto il ruolo di direttore tecnico, cosa doveva fare di più?

Rispettarlo, innanzitutto. E rispettarne la storia, che ripeto non è replicabile. Francesco avrà avuto le sue incertezze, non lo nego. E forse si sente ancora in una terra di mezzo, un po’ calciatore e un po’ dirigente. Ma meritava qualcosa in più che essere trattato come una figurina”.

La Gazzetta dello Sport

www.ilgiallorosso.it

La nostra pagina Facebook