Data di pubblicazione: venerdì 12 Marzo, 2021 10:24

Castro a lezione da Fonseca

La Roma ha vinto nettamente per 3-0 contro lo Shakhtar Donetsk, ipotecando il passaggio ai quarti di finale di Europa League. Il successo è stato meritato, mai in discussione, costruito con grandi meriti da Paulo Fonseca che ha scelto la tattica giusta per condannare un avversario che conosce a memoria. I gol sono stati firmati da tre azzurri, Pellegrini, El Shaarawy e Mancini, che esaltano l’impronta italiana della squadra giallorossa. Non è stato facile risolvere una partita contro una formazione imbottita di brasiliani che giocano a memoria da anni. Gran parte del merito va all’allenatore portoghese, che ha stravinto il confronto in chiave tattica con il suo connazionale Castro. Fonseca conosce lo Shakhtar come le sue tasche, la squadra ucraina non ha segreti per lui e della rosa attuale non ha allenato solo tre giocatori. Nei tre anni in cui ha lavorato a Donetsk ha vinto tanto con questo gruppo. In molti ieri sera hanno abbracciato con affetto il loro antico maestro. Il tecnico portoghese ha mandato in campo una Roma mai vista. Mkhitaryan centravanti, con Pellegrini e Pedro alle sue spalle. In realtà, fino a quando l’armeno è rimasto in campo, il modulo giallorosso era quasi un 3-4-1-2, con Pellegrini e Pedro davanti a lui. 

Corriere dello Sport

ilgiallorosso.it

Our Facebook Page