Data di pubblicazione: mercoledì 01 Giugno, 2016 13:52

Baldissoni: “Totti continuerà a giocare nella Roma”

Share This
Tags

ROMA 2015/2016Queste le dichiarazioni di Mauro Baldissoni, dg dell’AS Roma, al canale tv ufficiale giallorosso.

L’amichevole di Dubai: “Siamo in un paese, gli Emirati Arabi, di confine tra aeree geografiche e culturali, molto vicino all’occidente e all’Italia. E’ un Paese che produce un bilancio attivo nei rapporti commerciali superiori ai 5 miliardi di euro. E’ un Paese dove l’Italia significa qualcosa, dove il made in Italy è riconosciuto sotto varie forme: dalla moda, al cibo e allo stile di vita. Anche il calcio fa parte della cultura del nostro paese”.

L’accoglienza riservata a Salah: “Gli Emirati Arabi hanno 9 milioni di persone, di cui circa un milione provenienti dell’Egitto e per gli l’Egitto, gli Emirati Arabi e per il mondo arabo Salah è un punto di riferimento. Siamo contenti di averlo in squadra e poter beneficiare dell’effetto che ha sul pubblico”.

Ha quasi raggiunto Totti a livello di visibilità: “Francesco è irraggiungibile perché è una leggenda. E quando si diventa una leggenda si entra nel mondo della favola dove il confine tra la realtà e l’immaginifico si perde. Francesco va oltre, è un simbolo universalmente riconosciuto, non solo dalla Roma ma dal calcio. Salah deve lavorare per arrivare a quel livello. E’ bello anche metterli nello stesso posto e vedere la reazione dei fan perché possono essere anche un testimone temporale tra il passato e il futuro della Roma. Colgo l’occasione per dire che il passato non è ancora passato e non passerà mai visto che Totti continuerà a giocare nella Roma e continuerà ad essere parte della nostra famiglia per molto tempo in futuro”.

Strootman torna in nazionale: “E’ una vicenda tecnica e umana molto toccante. Gli siamo stati vicini. E’ un campione straordinario. Tutti i calciatori convivono con gli infortuni ma quello che è successo a Kevin è una cosa ancora più negativa considerando la gravità dell’infortunio e le situazioni psicologiche che si vanno ad innestare su un percorso di recupero cosi lungo. Il ritorno in campo con la Roma e il ritorno in Nazionale sono una grande gioia e certificano che la fase di recupero è terminata”.