Data di pubblicazione: domenica 05 Giugno, 2022 9:29

Ansia per Mourinho, si muove il Psg. Da Trigoria rispondono: “Solo fake news”

Share This
Tags

Il PSG piomba sullo Special One raccontavano le indiscrezioni dal Regno Unito

Inevitabile. Probabilmente era soltanto una questione di tempo. Perché l’addio di Pochettino al Psg non poteva che tirare prima o poi in ballo il nome di Mourinho come possibile sostituto. Alla fine è stato più prima che poi: l’indiscrezione è targata The Telegraph, rilanciata poi da Talk Sport e ripresa nel pomeriggio di ieri da tutti i media europei. Si tratta di rumors.

La forte amicizia tra il nuovo responsabile del mercato dei transalpini Campos (che ha preso il posto di Leonardo) e Mourinho non poteva non produrla. E un tentativo, un sondaggio per capire che aria tira a Roma è presumibile, se non addirittura probabile, che da parte del ds ci sia stato. Anche persone vicine ieri al portoghese non si sono sentite di negarlo.

Del resto i due oltre ad essere amici e connazionali hanno già lavorato insieme al Real Madrid. Senza contare che, quando allenava il Manchester United, José tentò in tutti i modi di portare Campos in Inghilterra, senza riuscirci. Nessuno quindi mette in dubbio l’affinità e l’amicizia tra i due. Da qui, però, a dire che Mourinho sia pronto a voltare pagina, lasciando di sasso i Friedkin e una città che lo ha accolto e lo venera per approdare a Parigi ce ne corre. Anzi, le notizie raccolte ieri tendono ad escluderlo, rassicurando così la tifoseria giallorossa, già in subbuglio.

I motivi sono molteplici. Per quanto possono contare in questi casi le smentite off record, sono arrivate sia dalla Roma che dal Psg. A Trigoria non si mette neanche in dubbio la sua permanenza: “Fake news”. Nel quartiere generale parigino di Camp des Loges, invece, è trapelata la linea che Mourinho non è il profilo di tecnico che Campos sta cercando per il post-Pochettino (circolato anche il nome di Mancini).

Il favorito è Galtier, artefice del miracolo-Nizza. C’è poi un altro fattore: José non è un tecnico che ama allenare calciatori che guadagnano più di lui. Con i tempi che corrono dovrà prima o poi adeguarsi, qualora dopo l’esperienza in giallorosso volesse tornare nel giro delle big europee.

Il Messaggero”

ilgiallorosso.it