Data di pubblicazione: martedì 14 Ottobre, 2014 11:26

Anche Buffon critica quando perde ma lui non lo ricorda

buffon«Non penso che mi abbiate mai sentito fare interviste in cui inveivo contro qualcuno o buttavo lì illazioni che non fanno bene a nessuno…» Eppure in passato anche Gigi Buffon ha fatto sentire la sua voce quando certe situazioni penalizzavano lui e la sua squadra.  Già nel 1997, a 19 anni, criticò con durezza l’arbitraggio di Parma-Juventus (giocava con gli emiliani) facendo infuriare Luciano Moggi che lo liquidò con un’espressione: «quel ragazzino…». Sempre a Parma nel 2007, questa volta però da giocatore bianconero, si infuriò per le decisioni arbitrali: «Ci hanno dato un altro rigore contro. Così è difficile partecipare alla corsa scudetto, si danno troppi vantaggi agli avversari. Un arbitro deve essere sicuro quando concede un rigore, altrimenti è meglio che non lo dia. Per compensarci dovranno restituirci gli scudetti revocati». E nel 2009, come riporta oggi il Corriere dello Sport,  al Chiambretti Night, lamentò una certa prevenzione da parte degli arbitri nei confronti della Juve, dopo una partita contro la Roma«Dopo Calciopoli i rapporti con gli arbitri sono cambiati. Ora si eccede nel punirci per mostrare trasparenza». E infine lo scorso campionato. Durante Roma-Juventus di Coppa Italia, Buffon abbandonò la panchina per un arbitraggio ritenuto contro i bianconeri da parte di Tagliavento, che non convalidò un gol a Peluso.