Data di pubblicazione: sabato 24 gennaio, 2015 15:58

Rudi Garcia: “La squadra è serena e tranquilla. A Firenze per i tre punti”

rudi garcia newQuesta la conferenza stampa di Rudi Garcia alla vigilia del match contro la Fiorentina.

PAROLE DE ROSSI SU GARCIA
Daniele ha detto che porterò la Roma sul tetto d’Italia? Non è semplice, perché quando un giocatore parla bene dell’allenatore si fa prendere in giro nello spogliatoio. A parte gli scherzi, proveremo a vincere tutti insieme perché siamo un gruppo ambizioso. Tecnici, giocatori e dirigenti. Tutti.

CONDIZIONI SQUADRA
La squadra sta bene, è come il suo allenatore: serena e tranquilla. Sarà una gara bellissima da giocare quella del Franchi. La Fiorentina gioca un buon calcio, sarà un bel test per mostrare che ci siamo. Manolas? Sono tutti convocati. Kostas non è al cento per cento, ma è vicino alla migliore condizione. Non c’è rischio per lui. Lo abbiamo preservato prima e ora sta bene. Florenzi terzino? C’è lui e c’è Maicon perché manca Torosidis. Ho tante scelte e per me è la migliore cosa. Tenuta fisica? Il problema è che per infortuni o squalifiche giocano spesso sempre gli stessi e questo può far calare il rendimento dei singoli e la qualità del gioco. Sul piano fisico per me stiamo bene, serve solo più continuità di condizione all’interno dei 90 minuti. Nel derby o con il Palermo abbiamo recuperato il risultato, quindi non abbiamo grandi difficoltà mentali. I ragazzi danno sempre tutto in campo e sarà così fino alla fine del campionato. Per il resto, nessuna squadra vede la sua stagione come un lungo fiume tranquillo, quando c’è un po’ di vento bisogna tenere dritta la barra.

IMPORTANZA GARA FIRENZE
Dobbiamo andare con fiducia e per prendere i 3 punti, come facciamo sempre. Abbiamo una buona squadra, possiamo fare una bella gara. Ho visto i miei allenarsi con entusiasmo e voglia, queste qualità saranno importanti per noi per arrivare al risultato.

DISTACCO JUVENTUS
Non so perché l’ambiente sia pessimista nei nostri confronti. Siamo a metà campionato, possiamo conquistare 57 punti in 19 partite. Noi guardiamo sempre avanti e guardare avanti significa pensare alla gara di Firenze. La Roma, in questo momento, va solo a corrente alternata all’interno di una gara stessa. Possiamo fare meglio, ovviamente, ma si tratta di trovare solo più continuità. Questa è la seconda Roma di tutti i tempi da quando i campionati sono a 3 punti, quindi bisogna essere fiduciosi. La critica rispettosa e obiettiva ci può stare, non mi aspetto solo complimenti, vorrei però che ci fosse più misura nei giudizi. Lo scontro diretto con la Juve? Non ha senso parlare ora di questa sfida. Non bisogna vincere solo una partita per conquistare un campionato. Bisogna fare più punti possibili.

MERCATO
Non ho niente da dire sul mercato, domani c’è una partita importante. Abbiamo un direttore sportivo che lavora sul mercato e se ci sarà un’opportunità la coglieremo.

SISTEMA DI GIOCO
Per me è importante che i miei calciatori sappiano giocare all’interno di più sistemi. Nella ripresa di Palermo, ad esempio, abbiamo cambiato e siamo andati meglio. E’ anche vero che era difficile fare peggio del primo tempo, questo lo sappiamo… (ride, ndr). Se faccio una scelta durante la partita è solo per vincere e prendere i 3 punti. Spesso ci riusciamo, ora pareggiamo troppo e non sempre il pareggio è un buon risultato. E questo lo sappiamo

GARA CON EMPOLI
Dopo questa partita ho sentito che mi sono “italianizzato”. Può essere una cosa positiva, per me è un onore. Chi lo dice parla di voi italiani, che siete buone persone. Quindi è un complimento. Con l’Empoli non siamo stati molto efficaci in attacco e questa è una cosa che mi dispiace. A proposito del rigore, si può dire che c’è e si può dire che non c’è, ma non si può dire che assolutamente non c’è. Il direttore di gara era ben piazzato. Per me c’era il rigore, faccio parte del 50% che sostiene ciò. Comunque, l’ho già detto: è necessaria l’introduzione della tecnologia per aiutare i direttori di gara: decidere a caldo non è semplice. E poi, è positivo quando un arbitro viene a spiegarci le nuove regole perché i giocatori non vedono solo un ufficiale di gara con la divisa, ma anche un uomo. E questi incontri possono aiutare tantissimo.

TIFOSI
Abbiamo bisogno del supporto dei nostri tifosi: siamo secondi in campionato, siamo in corsa in Europa League, ai quarti di Coppa Italia. Non vedo tante cose negative.

CESSIONE JEDVAJ
È stata una scelta di tutti, società e allenatore. Accade sempre così quando operiamo sul mercato.