Data di pubblicazione: lunedì 04 dicembre, 2017 19:01

ROMA, CONFERENZA STAMPA DI DI FRANCESCO E DE ROSSI

Share This
Tags

Eusebio Di Francesco e Daniele De Rossi, tecnico e capitano della Roma, hanno incontrato oggi a Trigoriai giornalisti per la consueta conferenza stampa prima della gara di Champions Lerague di domani all’Olimpicocontro il Qarabag.

QUESTE LE PAROLE DI FRANCESCO

Perotti e Nainggolan?
Saranno entrambi convocati, siamo molto felici. Stiamo valutando Kolarov, era uscito un po’ affaticato. Credo che anche lui quasi sicuramente ci sarà“.

Pensate a un regalo dell’Atletico?
Pensiamo solo alla nostra gara, il nostro destino passa dalle nostre mani, poi quel che sarà sarà. L’obiettivo è vincere“.

Rischi dell’incontro di domani?
La gara va aggredita, voglio partire in modo determinato e rischi saranno inferiori. Loro hanno fatto molto bene in trasferta, hanno fatto capire di non essere la squadra della prima partita contro il Chelsea. Sappiamo che se giochiamo con la nostra forza possiamo vincere“.

Quant’è cambiata la sua squadra dall’andata?
Tanto, ma bisogna dare valore a quella vittoria, inizialmente sottovalutata. Fa capire che vincere fuori casa in Europa non è mai facile. Abbiamo preso forza e consapevolezza, le parole di Daniele sono emblematiche“.

Passare il turno domani sarebbe un risultato normale o sarebbe oltre le aspettative?
Aspettiamo domani, preferirei rispondervi alla prossima conferenza. È giusto dare questa risposta nell’oggettività. Pessimismo? C’è sempre stato, questo passaggio darebbe più forza al lavoro che stiamo facendo. All’interno della squadra sono sempre stato ottimista“.

Quinta partita in 17 giorni per la Roma, Sarri ha detto che l’Inter fa uno sport a parte. Come ne pensa?
A riguardo, dico che credo che ognuno di noi vorrebbe giocare in Champions, è il nostro lavoro. Non mi pongo il problema, cerco di ottimizzare al meglio gli allenamenti, voglio andare avanti e giocare ogni tre giorni, sapendo che può toglierci qualcosa ma darci anche soddisfazioni. Sono felice di lavorare meno sui concetti e giocare di più“.

Ieri ha detto che è pronto a cantare con la curva, si sente di fare questo voto?
È un piacere. Io canto sempre, quando non mi vedete. Prima e dopo la partita, il mio appello è questo. Ho scelto di entrare nei social per eliminare i profili falsi, li userò con molta parsimonia, non aspettatevi tantissimo. Credevo di poter inviare un messaggio alla gente“.

Florenzi ha giocato con la SPAL, Bruno Peres domani non può giocare. Non ha pensato di correre un rischio?
Se non corri rischi non fai l’allenatore. Ho visto Florenzi in crescita, volevo dargli continuità, non volevo fermarlo per la sua consapevolezza del ruolo. Abbiamo avuto l’opportunità di lavorare difensivamente e volevo che mettesse in campo i concetti. Scelta un minimo rischiosa, l’ho voluta fortemente“.

Alla vigilia di un traguardo così importante, c’è uno scoglio che ha superato con particolare orgoglio?
Ribadisco che lo scoglio più grande è dentro lo spogliatoio. Daniele ha parlato del gruppo, il voltare le spalle ai compagni non significa giustificarli, significa fargli capire il perché ed eventualmente bastonarli. Nelle grandi famiglie bisogna accettare quello che si fa, cercando di superare le difficoltà. La difficoltà era entrare nella loro testa, le parole di Daniele sono quelle che mi confortano di più. Bisogna avere la capacità di trattare le difficoltà, mi auguro di essere a buon punto“.

Chi sceglierebbe tra le squadre con cui contendersi il titolo?
Mi interessa in modo relativo. È prima l’Inter? L’Inter“.

PAROLE DE ROSSI

Vuoi parlare ancora di quello che è accaduto?
Ho parlato per primo, ho chiesto scusa, di più non posso fare. Se potessi, tornerei volentieri indietro. Posso solo concentrarmi sulle prossime partite, come ho sempre fatto. La prossima è davvero molto importante, di sicuro pensare a Genova non mi aiuterà“.

Lo striscione?
Mi ha fatto molto piacere, ogni volta che ho avuto difficoltà loro sono stati fermi nello schierarsi con me. Ero a casa, sono stato felice. Non faccio promesse, meglio non farne, specie nel calcio. Non tutto dipende da te, anche se domani sera dipenderà da noi“.

Come si prepara mentalmente la partita di domani?
Come tutte le partite importanti, non diversamente da un derby, Roma-Juventus o Roma-Milan. A livello tattico sono partite delineate, quest’anno abbiamo un modo di affrontare le partite molto simile, bene o male siamo quelli, è uno dei nostri punti di forza“.

16 anni fa esordivi in Champions League, che rapporto hai con questa competizione?
Mi ha regalato grandi gioie e cocenti delusioni, un paio di brutte figure. Sempre in linea con la nostra dimensione, la realtà della Roma è una realtà che non ti permette di fare troppi voli e troppi sogni, ci sono squadre nettamente più attrezzate. Il passaggio di domani è fondamentale, di passare un girone del genere non c’è mai capitato, sarebbe una bella immagine da esportare in Europa, eliminare l’Atletico Madrid, superare un girone del genere. Se passiamo sarà una delle serate migliori della mia carriera in Champions“.

Disse che sarebbe stato complicato sostituire Spalletti, ha un po’ ragione e un po’ torto?
Avevo ragione. Era complicato, non impossibile. In quei giorni si parlava di lui e passava come uno sprovveduto, che aveva fatto danni. Qualche casino l’ha fatto, c’è stato un clima particolare con Francesco e ne abbiamo risentito. Ho detto difficile, ed è la dimostrazione di quello che stiamo facendo. Facciamo gli scongiuri, ma i primi 6 mesi del mister sono i migliori dei primi 6 mesi di ogni allenatore della Roma. L’anno scorso abbiamo zoppicato un po’ all’inizio, quest’anno corrono tutti, fosse stato così l’anno scorso avremmo vissuto mesi da capolista“.

Domani dovrebbe arrivare l’ok per lo stadio. Ci può giocare De Rossi?
Fermorestando che non è la nostra priorità oggi, il futuro immediato lo costruiamo domani sera, uno stadio 3-4 anni. Nel 2021 avrò 38 anni. Sarà difficile, anche se fisicamente e mentalmente sono abbastanza confortanti i dati, poi ci sono altre problematiche, di qualità che devi avere e che non so se avrò. È importante giocare gli ottavi di finale“.

Con la somma delle squalifiche hai quasi perso una stagione. Questo lato del tuo carattere ti ha più giovato o penalizzato?
Se calcoli un giocatore che gioca 16 anni con 2 giornate di squalifica l’anno sono 32 giornate di squalifica. Se sono ogni anno 3 ne ha saltate 40. La matematica è evidente, non ho saltato un anno della mia carriera, sono sempre stato molto presente. Una squalifica per uno strattone è diversa da quella per un cazzotto. Non ho saltato un anno, avete scritto male. Sono sempre stato presente, pagando quando sbagliavo. Domani sarò presente negli spogliatoi e in questa partita, poi se sto qui significa che… vabbè (ride, ndr)“.

Perotti ha detto che non sei solo un capitano di una squadra, ma di una città e che quando fai qualche cavolata nessuno si permette di dirti nulla. C’è un calcio che voi conoscete e quello di cui parlano tutti, che è un’altra cosa?
Senza presunzione, è risaputo che il calcio che conosciamo noi sono ben diverse da quello che conoscete voi. Ci sono giocatori eroici che magari conosci e se la fanno addosso, o altri che passano per antipatici e sono tutt’altro. Esempi per dire che noi sappiamo davvero quel che succede, il fatto che sia considerato un bravo compagno non mi consegna jolly, devo pagare ma son contento di quello che ha detto Diego. Ho la sensazione che mi ritengano una persona su cui fare affidamento, che non volta le spalle agli altri. Mi schiero sempre dalla parte dei compagni“.

Si è posto un obiettivo in carriera?
Non può dipendere da noi. Ho sempre detto di voler smettere prima di non farcela più e prima di iniziare a non divertirmi più. Passino stagioni in cui ti diverti di meno. Se fai fatica e stai male a 34-35 anni dal mio punto di vista, per come sto non sarei mai legato a questo lavoro al punto di farlo stando male. Mi diverto, sto bene, mi diverto quando le cose fanno bene e meno quando vanno male. Dire che non smetto finché non vinciamo lo scudetto sarebbe da folli. Spero di vincerlo, se non ci fosse proprio possibilità sarei andato da un’altra parte. Ma non è una cosa impossibile“.

Classifica seie A

The latest football data here. Now gathering information from the data feed.