Data di pubblicazione: mercoledì 13 settembre, 2017 11:57

Olimpico, notte da brividi

Share This
Tags

Corriere dello Sport (R.Maida) – Manca poco più di mezz’ora all’inizio quando James Pallotta, a bordocampo con il fido Baldissoni, si guarda intorno per scrutare lo stadio. Non è questa l’atmosfera che vorrebbe vedere a Tor di Valle, quando finalmente il progetto della Roma avrà trovato il suo compimento. Ma i tempi sono quelli che sono. La diretta televisiva fruibile per tutti, il caro prezzo dei biglietti con le curve a 40 euro, l’appeal meno attrattivo dell’Atletico Madrid rispetto ad altre grandi squadre d’Europa hanno contribuito in parti uguali a spopolare l’Olimpico.

L’URLO – Chi c’era però, specialmente la Curva Sud che vuota non era, ha provato a far sentire il suono della Champions League, dolcemente annunciato ai tifosi vip nella pancia dello stadio attraverso gli strumenti di un’orchestra. Il grido «The Champiooons», alla fine del motivetto introduttivo del torneo, sale alto e mette i brividi anche ai giocatori apparentemente imperturbabili, come Edin Dzeko. Pallotta intanto non perde il buon umore scherzando con Totti in tribuna, giusto per stemperare la tensione.

VIA – Divertente il confronto estetico tra i due allenatori, il debuttante Di Francesco e lo scafato Simeone. Sono vestiti praticamente uguale, con il completo e la camicia scuri. Ma è la partita a catturare subito l’attenzione con il palo scheggiato da Saul che anima i 500 tifosi colchoneros sistemati nei Distinti Nord. Passata la paura, la Sud alza i toni. Bastano un recupero poderoso di Nainggolan e un tiro timido di Defrel, uniti a una sforbiciata sbilenca di Griezmann, a ripristinare quell’entusiasmo dovuto al ritorno tra i grandi d’Europa.

GRADIMENTO – E’ significativo che dopo un primo tempo ad armi pari la Roma esca tra gli applausi. La differenza c’è ma non si è vista. Nella ripresa ci saranno nuove emozioni, con le telecamere che inquadrano lo stato maggiore romanista che trepida. La Champions non era per tutti ma chi è andato all’Olimpico non si è pentito di aver partecipato.